Nel tempo

Esplorate l'affascinante storia della Durance prima del lago e della diga. Scoprite la necessità di sviluppare questo potente fiume a carattere torrentizio, le sfide tecniche del progetto di Serre-Ponçon e il suo impatto sulla Provenza. Immergetevi nei dettagli della costruzione della diga, un'impresa tecnica e umana, e comprendete le molteplici missioni di quest'opera al servizio della comunità.

Serre-Ponçon avant le barrage
Michel Baudry

Prima del lago e della diga

Affluente del Rodano, la Durance è unodei fiumi a carattere torrentizio più potenti della Francia. il 55% delle sue acque proviene dallo scioglimento delle nevi. La popolazione soffre sia per le inondazioni che per la scarsità stagionale. Nel 1843 e nel 1856, quando la regione fu devastata da inondazioni catastrofiche, prese forma l'idea di "domare" la Durance...

Sviluppare la Durance, una necessità...

"Parlamen, mistrau e durenco soun li tres flev de la prouvenco"(Parlamento, Mistral e Durance sono i tre flagelli della Provenza)!

Prima della costruzione della diga di Serre-Ponçon, la Durance era un fiume imprevedibile e indomabile. È stato segnato tanto da devastanti inondazioni, come quelle del 1843 e del 1856, quanto da periodi di grave siccità, in particolare quella del 1895. Jean Giono disse una volta della Durance: "Non è che sia cattiva, ma per lei il bene e il male sono la stessa cosa"

Questa idrologia capricciosa ha da tempo spinto i costruttori a pensare alla costruzione di un grande bacino a monte del fiume. Una diga consentirebbe di far fronte alle inondazioni e di immagazzinare l'acqua per rilasciarla nei momenti difficili dell'estate, quando scarseggia. La grande alluvione del 1856 e la sua devastazione segnarono una svolta. Per la prima volta si decise di agire. Fu esaminata la fattibilità della creazione di dighe sui fiumi Durance, Buëch e Verdon. I primi sondaggi furono effettuati nel 1857 in sei siti, tra cui Sainte Croix du Verdon e Serre-Ponçon. Sulla Durance, tutti i sondaggi portarono al sito di Serre-Ponçon, un luogo ideale con una strettoia relativamente stretta, 2 km a valle della confluenza con l'Ubaye. All'epoca, gli esperti stimarono che la roccia di fondazione si trovasse sotto appena 8 metri di sedimenti. Ma a ogni nuova campagna, i topografi trivellavano sempre più in profondità, senza toccare la roccia. Infine, intorno al 1900, le campagne di perforazione dimostrarono che la roccia si trovava in realtà a 110 metri di profondità sotto i sedimenti. All'epoca non esisteva alcuna tecnica per ancorare una diga su uno strato così spesso di alluvioni. Di fronte a questo ostacolo insormontabile, il progetto di Serre-Ponçon fu abbandonato.

Nel 1899, e per diversi decenni a seguire, Ivan Wilhem, politecnico e ingegnere moscovita di Gapen, cercò di risolvere il problema. Fino agli anni '40, lui e il suo team di ingegneri immaginarono cosa avrebbe potuto essere la diga di Serre-Ponçon, senza tuttavia superare il problema della profondità della roccia di fondazione. Solo nel dopoguerra il progresso tecnico ha fatto sperare che la diga potesse essere costruita. In quel periodo, gli americani svilupparono un nuovo tipo di diga sul fiume Missouri, capace di ancorarsi a spessi strati di sedimenti. Utilizzarono una tecnica di iniezione profonda e una diga in terra anziché in cemento.

Nel 1948, quasi un secolo dopo i primi studi, era tecnicamente possibile costruire una diga a Serre-Ponçon. L'EDF, che era stata creata da poco, nel 1946, fu incaricata del progetto, che fu approvato dal Comitato Tecnico per le Grandi Dighe nel 1951. Il progetto prevedeva non solo la costruzione della diga di Serre-Ponçon, ma anche lo sviluppo dell'intero fiume Durance, con la creazione di un canale di oltre 250 km.

La legge del 1955: la nascita di un progetto di pianificazione regionale

Data la vastità del progetto, che aveva una vera e propria dimensione di pianificazione regionale, la decisione di avviare il progetto fu sancita dalla legge. Il progetto fu dichiarato di interesse pubblico da una legge pubblicata sul Journal Officiel il 5 gennaio 1955, firmata dall'allora Presidente della Repubblica René Coty e da diversi ministri, tra cui il Ministro degli Interni François Mitterrand.

<> Questa legge, intitolata "Loi d'aménagement de Serre-Ponçon et de la Basse Durance" (Legge sullo sviluppo di Serre-Ponçon e della Bassa Durance) definisce tre missioni per lo sviluppo della Durance:

  • approvvigionamento energetico,
  • irrigazione e approvvigionamento idrico,
  • limitare gli effetti delle inondazioni.

In questo modo, la legge dimostra la volontà del legislatore di combinare l'energia idroelettrica con l'irrigazione dei terreni agricoli della Provenza. A tal fine, il Ministero dell'Agricoltura ha contribuito con il 12,3% del finanziamento del progetto, in cambio di una riserva d'acqua per uso agricolo. Con un decreto firmato il 28 settembre 1959, Électricité de France, oggi EDF, ottenne la concessione per le cascate idroelettriche della Durance per un periodo di 75 anni. Al decreto era allegato un capitolato d'oneri che stabiliva in dettaglio i diritti e gli obblighi di Électricité de France, oggi EDF.

Per l'occasione, fu realizzata una relazione educativa intitolata "Prospérité nouvelle en Durance" (Nuova prosperità nella Durance) per dimostrare i benefici dello sviluppo economico e del benessere sociale che sarebbero derivati dalla costruzione della diga (archivio INA).

Guarda il video

Costruzione della diga

Un'impresa tecnica e umana...

Dopo i test e i lavori preparatori effettuati alla fine degli anni '40, i lavori della diga iniziarono nel 1955, 54 mesi dopo. Nel giugno 1960, la costruzione della diga fu completata, mentre il riempimento del bacino iniziò il 16 novembre 1959: dieci mesi dopo, le valli dell'Ubaye e della Durance, completamente allagate tra l'ammasso di Serre-Ponçon e la piana di Roc d'Embrun, offrivano un mondo nuovo... Fino a 3.000 operai erano contemporaneamente sul cantiere, al culmine dell'attività nel luglio 1959.

I lavori preliminari iniziarono nel 1955 con l'installazione di strutture di cantiere all'altezza del progetto: impianto di aria compressa, stazione di lavaggio e vagliatura per la preparazione degli aggregati utilizzati nella fabbricazione del calcestruzzo, centrale di betonaggio, 2.300 m² di officine per la manutenzione e la riparazione di un parco macchine per lavori pubblici estremamente ampio. A Espinasses è stato costruito un complesso residenziale da 800 posti letto per ospitare persone sole. altre 300 abitazioni sono state costruite nei pressi del cantiere.

Il primo vero cantiere fu la deviazione della Durance, prima della costruzione della diga. A tal fine, è stata scavata una deviazione temporanea costituita da 2 gallerie lunghe 900 m e con un diametro di 10,50 m nella roccia sulla riva sinistra della futura struttura. La deviazione fu completata il 29 marzo 1957. Furono impiegate risorse colossali per l'epoca: un'unità di perforazione con 3 "jumbo" (enormi martelli pneumatici montati su cingolati), casseforme metalliche telescopiche montate su carriponte e un treno di betonaggio.

Allo stesso tempo, è stato necessario pensare al ripristino delle vie di comunicazione che sarebbero state interrotte dall'interramento del lago. Abbiamo colto l'occasione per modernizzarle. Furono costruiti oltre 14 km di linee ferroviarie e 3 viadotti della S.N.C.F.. Oltre a 50 km di strade e oltre 2,5 km di ponti, tra cui il viadotto di Savines, lungo 924 metri. Questi progetti costarono più della costruzione della diga stessa...

Guarda il servizio del 4 aprile 1957 per il telegiornale nazionale: "Travaux sur la Durance" (Archivio INA)

Costruzione della diga e dell'impianto

Per 39 mesi, dal marzo 1957 al completamento nel giugno 1960, 30 milioni di tonnellate di materiali sono stati spostati e trasportati lungo i binari del cantiere. La sola costruzione della diga ha richiesto 14 milioni di metri cubi di terra (6 volte il volume della Grande Piramide di Cheope). La diga è larga 600 metri e spessa 650 metri alla base. Per trasportare queste enormi quantità di roccia, 35 semirimorchi "Euclid" importati dagli Stati Uniti sono in grado di caricare 60 tonnellate sui loro cassoni. In un solo giorno, passano fino a 1.500 veicoli da 300 cavalli per depositare 20.000 m³ al giorno di materiale compattato da 3 rulli gommati da 35 a 45 tonnellate e da 2 rulli "a piede di pecora" da 18 tonnellate. Le macchine spazzano l'argine senza sosta dalle 2 del mattino alle 10 di sera. Un autista di Euclid guadagna circa tre volte quello che guadagna un impiegato. Ma è un lavoro duro e pericoloso... Mentre in superficie pale, dumper, trattori e rulli girano in continuazione, nel cuore della roccia una gigantesca cattedrale sotterranea prende gradualmente forma per formare la fabbrica.

Il granito era di ottima qualità e ha permesso di realizzare tutti gli scavi senza alcun supporto. Alla fine del 1958, le tre caverne costruite in parallelo per ospitare i trasformatori, i macchinari e le valvole di fondo erano a disposizione dei produttori di apparecchiature elettromeccaniche.

Il sito ha vissuto alcuni momenti memorabili. Il 14 giugno 1957, un'alluvione di 1.700 m³/s (la più alta alluvione conosciuta dopo quella del maggio 1856, che aveva raggiunto i 1.800 m³/s) interruppe i lavori. All'epoca era in funzione solo una galleria di deviazione temporanea. Il cofferdam costruito a monte della diga per proteggerla fu sommerso, fortunatamente senza troppi danni. Un'altra operazione delicata fu il trasporto dei 4 rotori dell'alternatore dalle officine del produttore. Le 260 tonnellate di ciascun rotore sono state trasportate su strada con un carrello ribassato.

Lancio dell'acqua e la scomparsa di Savines e Ubaye

Il 16 novembre 1959, i cancelli della diga furono chiusi per iniziare a riempire il bacino. 18 mesi dopo, il 18 maggio 1961, il lago fu riempito per la prima volta. Quando il bacino fu riempito, i villaggi di Savines e Ubaye, situati sotto la collina 780, furono sommersi.

Si decise di ricostruire il villaggio di Savines. Si discusse animatamente se il nuovo villaggio dovesse essere costruito sulla riva sinistra o sulla più soleggiata riva destra. La scelta cadde sulla riva sinistra, quella del villaggio originario, rendendo necessaria la costruzione del ponte lungo 920 metri che attraversa entrambe le sponde del lago. EDF ha finanziato la ricostruzione degli edifici del villaggio e una nuova chiesa, con la sua originalità decisamente moderna, ha simboleggiato la rinascita del villaggio.

A Ubaye, il villaggio non è stato ricostruito, ma il cimitero è stato spostato sul bordo del lago. L'interramento della diga ha costretto quasi 1.500 persone a trasferirsi...

Scopri: "La mise en eau du barrage de Serre-Ponçon" - Rapporto regionale per il quotidiano nazionale - 02/04/1960 (archivi INA)

La guerra d'Algeria ne ha impedito l'inaugurazione

La diga di Serre-Ponçon non fu mai inaugurata ufficialmente. Il generale de Gaulle avrebbe dovuto presiedere la cerimonia, ma la guerra d'Algeria sconvolse i piani. Il rinvio non si concretizzò mai.

Costo di costruzione

La ripartizione della spesa totale, stimata in 50 miliardi di vecchi franchi, è la seguente:

  • Dighe e impermeabilizzazioni: 23
  • Opere accessorie e impianti: 21
  • Attrezzature idroelettriche ed elettromeccaniche: 13
  • Ripristino delle comunicazioni: 27
  • Acquisto di terreni: 13
  • Studi e prove: 3

Un libro multiuso al servizio della comunità

La legge del 1955 che ha portato alla costruzione della diga di Serre-Ponçon assegnava allo sviluppo della Durance tre missioni: generare elettricità, garantire il fabbisogno idrico per l'irrigazione della Bassa Durance e combattere le inondazioni. Sebbene EDF sia molto attenta all'adempimento della sua missione primaria di servizio pubblico, ossia la produzione di energia elettrica da fonti pulite e rinnovabili, a Serre-Ponçon si sta posizionando come gestore dell'acqua per molteplici usi: produzione di energia elettrica, irrigazione, fornitura di acqua potabile e industriale, pesca, turismo, sport acquatici e sport d'acqua bianca.

In questo contesto, il 16 giugno 2008 EDF ha accettato di mettere il demanio idroelettrico pubblico di Serre-Ponçon a disposizione della SMADESEP per la gestione e lo sviluppo del turismo. Per sostenere questo sviluppo territoriale, il concessionario ha anche accettato di mantenere un livello minimo per il turismo durante l'alta stagione estiva. Questo livello, fissato a 5 metri al di sotto del normale livello di funzionamento idroelettrico, corrisponde al livello del lago al di sotto del quale la maggior parte delle attività sportive acquatiche inizia a essere seriamente penalizzata. Inserito nelle condizioni di esercizio idroelettrico del concessionario, deve essere rispettato almeno ogni anno dal 1° luglio al 31 agosto.

Serre-Ponçon: il primo anello di una catena idroelettrica lunga 250 km

La centrale di Serre-Ponçon produce circa 700 milioni di kWh all'anno, pari al consumo del dipartimento delle Hautes Alpes. Con una capacità di 380 MW (1/3 di un reattore nucleare), è la centrale idroelettrica più potente della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra e una delle più potenti di Francia.

Ma Serre-Ponçon è anche il serbatoio da cui parte il canale della Durance di EDF. Vero e proprio asse portante dell'energia, questo canale trasporta l'acqua immagazzinata nel serbatoio di Serre-Ponçon per oltre 250 km fino alla centrale di Saint Chamas, sulle rive dell'Etang de Berre. Lungo questo canale, 15 centrali idroelettriche turbinano l'acqua in successione. A monte del lago di Serre-Ponçon, sono state costruite 8 centrali idroelettriche sulla Durance e sui suoi affluenti. Insieme alle centrali sul Verdon, un affluente della Durance, la catena idroelettrica Durance - Verdon comprende 32 centrali. Insieme, costituiscono una delle cinque maggiori risorse idroelettriche della Francia (1/6 della capacità idroelettrica di picco). Il complesso Durance - Verdon ha un potenziale di produzione di 7 miliardi di kWh. Ciò corrisponde a :

  • 10% della produzione idroelettrica francese,
  • 40-60% della produzione di elettricità della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, essenziale per la regione, che attualmente consuma il doppio dell'elettricità prodotta.
  • 15-20% del consumo di elettricità della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

19 delle centrali della catena Durance-Verdon sono controllate a distanza e simultaneamente per via informatica dal Centro di Controllo Congiunto di Sainte-Tulle, vicino a Manosque. Questa operazione centralizzata garantisce il funzionamento sincronizzato di 2.000 MW di potenza, l'equivalente di due reattori nucleari. In meno di 10 minuti, questo potenziale di produzione può essere mobilitato: una risorsa inestimabile per rispondere in tempo reale alle variazioni del consumo di elettricità o per far fronte a guasti del sistema elettrico.